Primo ministro chiede estensione di 2 anni di stato d'emergenza

La legge d’emergenza in vigore in Egitto dal 1981 dà alla polizia estesi diritti di arresto, consente di sospendere i diritti costituzionali e tiene a freno attività politiche non governative. Tribunali speciali previsti dalla legge negano il diritto di appello. Lo stato d’emergenza è stato imposto in Egitto dopo l’omicidio del presidente Anwar Sadat ed è stato ripetutamente rinnovato nonostante le proteste di gruppi locali e internazionali per i diritti umani, oltre che dell’opposizione al governo. L’attuale legge d’emergenza scadrà il prossimo 31 maggio.

Il Parlamento dovrebbe votarne l’estensione della legge dal primo giugno al 31 maggio 2012, come riferisce Shehab. Ma, precisa, sarà applicata solo "per reati legati al terrorismo e al traffico di narcotici". Le autorità egiziane hanno usato lo stato d’emergenza per zittire gli oppositori politici, compresi i Fratelli Musulmani, i cui membri siedono in Parlamento come indipendenti. La Fratellanza, infatti, è bandita, ma tollerata dal Cairo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>