Somalia, rapiti due operatori di Msf

MOGADISCIO - Due operatori umanitari di Medici senza frontiere sono stati sequestrati in una zona centrale della Somalia da uomini armati. «Uomini armati hanno rapito due operatori umanitari di Medici senza frontiere Belgio» ha detto uno dei capi locali, Hassan Maalin. Un cooperante locale di Msf, che ha chiesto l’anonimato, ha detto che i due – un belga e un danese – sono stati sequestrati nella loro auto insieme alla guardia del corpo nella regione di Bakol. Il rapimento di cooperanti con l’obiettivo di ottenere un riscatto è ormai frequente in tutto il Corno d’Africa.

IL PRECEDENTE - Gli ostaggi di solito vengono trattati relativamente bene e rilasciati dopo il pagamento di quanto richiesto. A marzo quattro cooperanti di Medici Senza Frontiere Belgio, tra cui l’italiano Mauro D’Ascanio, erano stati rapiti a Seraf Umra, nel nord del Darfur in Sudan. Sono stati liberati pochi giorni dopo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>