Il Cairo: bomba al suk di Khan el Khalili, Morta una turista francese e 24 feriti

IL CAIRO (EGITTO) – E’ morta in ospedale la turista francese rimasta coinvolta nell’attentato con bomba domenica al Cairo nei pressi di un caffè nel bazar di Khan el-Khalili, quartiere turistico dove si trova la grande Moschea Hussein. Altre 24 persone sono rimaste ferite, tra cui 18 turisti francesi, 5 egiziani (tra i quali un bambino ed un poliziotto) e un tedesco. Si tratterebbe, dicono le autorità egiziane (ma il loro bilancio riferisce di soli 10 francesi, di quattro tedeschi, tre sauditi e 4 egiziani) per la maggior parte di feriti leggeri, già in gran parte dimessi, ad eccezione di una turista francese, molto grave e che verrebbe operata in queste ore. Ma altre fonti inizialmente parlavano addirittura di 4 morti di cui due stranieri.

GLI ARRESTI – Poche ore dopo l’esplosione il ministero dell’Interno egiziano attraverso un comunicato rende noto che sono stati arrestati tre presunti responsabili che avrebbero preso parte all’attentato. Si tratta di un uomo e due donne che indossavano il «niqab», il velo che copre il volto completamente, lasciando scoperti solo gli occhi.

FARNESINA – Dopo gli accertamenti effettuati dall’ambasciata d’Italia al Cairo sia presso gli ospedali cittadini sia presso il ministero della Sanità egiziano, fonti della Farnesina riferiscono che «al momento non risultano connazionali coinvolti». Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha espresso il suo «profondo dolore» per l’attentato e – in un comunicato – ha fatto le sue condoglianze alla famiglia della vittima, inviando un messaggio di solidarietà ai feriti e ai loro parenti.

LA DINAMICA - Un giornalista dell’agenzia egiziana Mena ha detto alla tv che l’ordigno è stato lanciato dall’alto, presumibilmente da un balcone dell’albergo Al Hussein, che affaccia sulla grande piazza omonima. Secondo un dirigente della polizia, citato dalla France Presse, l’attacco è stato condotto con una granata, mentre altre fonti delle forze di sicurezza, citando testimoni, hanno riferito che l’attacco è stato condotto con due ordigni, uno dei quali sarebbe stato lanciato da una motocicletta. Le stesse fonti affermano che uno dei due ordigni non è esploso. Le forze di sicurezza hanno circondato l’area dove è intervenuta anche una squadra di artificieri.

GLI AUTORI - Stando alla polizia dietro all’attentato ci sarebbe il gruppo islamico Al-Tawid wal Jihad. Il bazar di Khan el-Khalili – costruito oltre 650 anni fa – è già stato teatro di un attentato suicida nell’aprile 2005 costato la vita a due turisti francesi e a un americano. Nel 2006 la stazione balneare di Dahab, nella penisola del Sinai, venne colpito in un triplo attentato in cui morirono 20 persone. Nel 2004 e 2005 altri due attacchi insanguinarono la costa egiziana lungo il Mar Rosso, a Taba e Sharm El Sheik, uccidendo oltre 100 persone. Negli anni ’90 l’Egitto fu teatro di un lungo conflitto con militanti islamici che culminò con il massacro di turisti a Luxor nel 1997.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>