Legge morale naturale ne sia fonte e principio

guai allo Stato che legifera su questioni riguardanti la persona e la società interpretando sé stesso come fonte e principio dell’etica. Questo il forte messaggio espresso stamane da Benedetto XVI di fronte all’assemblea generale della Pontificia Accademia per la vita. Per il Santo Padre, solo il connubio legge morale naturale e bioetica, infatti, permette il rispetto e la difesa della dignità umana contro un tecnicismo assolutistico e una concezione puramente immanente della vita umana.

"Le problematiche che ruotano intorno al tema della bioetica – spiega il Pontefice – permettono di verificare quanto le questioni che vi sono sottese pongano in primo piano la questione antropologica":oggi la bioetica, infatti,appare come il campo primario di scontro tra "l’assolutismo della tecnicità e la responsabilità morale dell’uomo". Un ‘ambito quindi "delicatissimo e decisivo" che vive della perenne tensione tra un’ interpretazione puramente immanente della vita umana (l’uomo è prodotto di sé stesso) e una profondamente trascendente (l’uomo è prodotto e dipende da Dio). Di fronte a questo scontro, secondo Benedetto XVI, è "necessario porre in essere un progetto pedagogico integrale, che permetta di affrontare tali tematiche in una visione positiva, equilibrata e costruttiva, soprattutto nel rapporto tra la fede e la ragione", due termini da sempre inseparabili per il Pontefice.

D’altronde le questioni bioetiche sono strettamente e intimamente connesse con la dignità umana, che "la fede in Gesù Cristo ha da sempre difeso" e senza cui "sarebbe tanto arduo trovare una fonte per i diritti della persona – rimarca il Papa – quanto impossibile giungere a un giudizio etico nei confronti delle conquiste della scienza che intervengono direttamente nella vita umana". È vero: "la vita umana conosce un proprio sviluppo e l’orizzonte di investigazione della scienza e della bioetica è aperto – continua Benedetto XVI -, ma occorre ribadire che quando si tratta di ambiti relativi all’essere umano, gli scienziati non possono mai pensare di avere tra le mani solo della materia inanimata e manipolabile", ma vita umana e quindi "portatrice sempre, dovunque e nonostante tutto di dignità propria". Allora la bioetica non può prescindere da una "coerente lettura delle questioni etiche" e quindi dalla legge morale naturale: "Il riconoscimento della dignità umana, infatti, in quanto diritto inalienabile trova il suo fondamento primo in quella legge non scritta da mano d’uomo, ma iscritta da Dio Creatore nel cuore dell’uomo".

Di conseguenza, solo il connubio bioetica e legge morale permette di rispettare la dignità umana, quella dignità che, il Papa rimarca con forza, "la vita umana possiede intrinsecamente dal suo primo istante fino alla sua fine naturale". Ciò ha delle naturali conseguenze per il legislatore: egli infatti, quando procede a legiferare su questioni che riguardano l’uomo e la società, non può non appellarsi a quella legge morale naturale, ossia a quei "principi universali che consentono di verificare un denominatore comune per l’intera umanità" come li definisce il Pontefice, "garanzia per un autentico rispetto sia della persona, sia dell’intero ordine creaturale". Essa si pone come "fonte catalizzatrice di consenso tra persone di culture e religioni diverse e permette di andare oltre le differenze, perché – conclude il Santo Padre – afferma l’esistenza di un ordine impresso nella natura dal Creatore e riconosciuto come istanza di vero giudizio etico razionale per perseguire il bene ed evitare il male".

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>