è finita la fuga dell'uomo che ha fatto la strage nel Mantovano

MANTOVA - «Sono stanco, mi arrendo… venitemi a prendere». È finita nei pressi del Lago d’Idro la caccia all’uomo che ha seminato morte e terrore tra Mantova e Brescia. Omar Bianchera, che ha ucciso tre persone nel mantovano e ne ha ferito una quarta, è stato rintracciato ad Anfo, un paese nei pressi del lago di Idro, ed stato poi portato nella caserma di Salò. Secondo quanto riferito dagli stessi inquirenti il killer si è costituito telefonando al 113. La telefonata è stata ricevuta dalla questura di Brescia e sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Salò competenti per Anfo, il comune della Valsabbia dove il fuggitivo era arrivato scappando dopo il triplice omicidio. Il camionista 44enne di Volta Mantovana ha chiamato con un cellulare dalla propria autovettura, parcheggiata in prossimità della Rocca di Anfo, nei pressi del lago di Idro, nel bresciano. A quel punto la polizia ha subito "girato" la segnalazione ai carabinieri della zona, più vicini alla località, e l’omicida è stato raggiunto e quindi ammanettato. Le armi della strage erano nell’auto.

LE VITTIME - Le vittime sono l’ex moglie e due conoscenti con i quali l’omicida, che ha seri problemi psicologici ed è un fanatico di armi, aveva avuto degli screzi. Un’altra persona è rimasta ferita. A quanto si è appreso gli investigatori avevano localizzato, attraverso le celle del suo cellulare, gli spostamenti del killer verso la provincia bresciana che confina con quella mantovana.

L’EX MOGLIE- Omar Bianchera, noto alle forze dell’ordine per precedenti di droga, sembra aver seguito nel suo delirio un preciso itinerario di «vendetta», spinto dal desiderio di eliminare tutti coloro con i quali sentiva di avere dei conti in sospeso. Domenica mattina si è diretto in auto verso la casa dell’ex moglie, Daniela Gardoni, 38 anni, che abitava in un appartamento in via Risorgimento, la strada principale di Volta Mantovana. I due erano separati da una decina d’anni ed erano in causa appunto per quell’appartamento, in cui avevano vissuto insieme: proprio martedì scorso il Tribunale aveva assegnato la casa alla Gardoni. L’uomo aveva rivolto parecchie minacce all’ex moglie e aveva anche detto a un amico che, prima o poi, l’avrebbe uccisa. L’uomo, arrivato alle 7 di mattina davanti alla casa della donna, un paio d’ore dopo ha esploso alcuni colpi contro le finestre; l’ex moglie è scesa di corsa ed è salita in auto, cercando di andare dai carabinieri, ma l’uomo le ha sparato più volte. L’auto ha percorso circa 200 metri, poi è finita contro un muro. Bianchera, che l’inseguiva, è sceso dalla sua vettura e ha freddato Daniela Gardoni con due colpi di pistola senza dire nulla. Inutilmente un ragazzo, di passaggio in sella a uno scooter, ha cercato di difendere la donna: l’omicida lo ha brutalmente scansato e ha continuato a sparare.

LA CONOSCENTE - Subito dopo Bianchera è risalito sulla sua auto e si è diretto verso la località Piccard, sulla via per Monzambano. Qui ha ucciso una sua lontana parente, Maria Bianchera, 71 anni, con la quale aveva avuto screzi a proposito dei confini: le loro abitazioni, in località Piccarda, distano una decina di metri. L’uomo ha fatto fuoco almeno 5 volte, uccidendo la donna e ferendo il marito. Proseguendo nel suo itinerario di «vendicatore», sempre in auto è andato in località Pile, a poca distanza. A quanto si è appreso voleva regolare i conti con il capofamiglia Luigi Platter, al quale qualche tempo fa aveva affittato dei locali in cui era stata aperta una birreria.

UCCISO DAVANTI AI BAMBINI - Nella corte si è imbattuto invece nel figlio di Luigi Platter, Walter, 35 anni, che stava partendo per una gita in auto con la moglie e i due bambini. Bianchera ha fatto scendere dalla macchina la donna e i piccoli e poi ha fatto fuoco su Platter, che era rimasto in auto, e lo ha ucciso. La moglie Virginia Deidonè, nel tentativo di difendere il marito, è rimasta ferita di striscio. Poi è fuggita in strada per chiedere aiuto. L’omicida è poi fuggito. Le forze dell’ordine hanno organizzato posti di blocco in tutta la zona e hanno svolto battute per rintracciarlo, anche con l’ausilio di elicotteri. L’uomo era armato con un fucile a pompa e due pistole calibro 38, una delle quali regolarmente denunciata.

ALLA MADRE: «HO FATTO UN MACELLO» - «Ho fatto un macello…». Queste le parole pronunciate al telefono, parlando con la madre, da Omar Bianchera, mentre era ancora in fuga nelle campagne tra il Bresciano e il Mantovano. La telefonata è stata intercettata dai carabinieri, che avevano provveduto a mettere sotto controllo i telefoni dei congiunti dell’uomo nella speranza che questi provasse a contattarli, come in effetti poi è stato. È stata così localizzata la zona da dove è partita la chiamata. Poi lui stesso ha chiamato il 113 e si è costituito.

«NESSUNO POTEVA IMMAGINARE» - Il sindaco di Volta Mantovana, Giuseppe Adami, che è anche il medico del paese, è sconvolto. «Bianchera? Qui in tanti lo conoscono, eccome, ma nessuno avrebbe mai immaginato una cosa simile. Si sa che è orfano di padre, che si era separato da anni. Ha ancora la mamma, una sorella». «Proprio questa mattina – racconta il sindaco – mi sono recato a deporre una corona ai caduti. Con me c’era il maresciallo del posto. E tra di noi commentavamo quanto fosse tranquilla la nostra cittadina. Poi è arrivata una telefonata, all’inizio sembrava per un incidente stradale. E invece…». In qualità di medico, è stato tra i primi ad arrivare a casa di Maria Bianchera, che era sua paziente.

LE TESTIMONIANZE - «Ho sentito gli spari mentre ero in casa con mia moglie, sono sceso e ho visto tutto e mi sono detto: ‘Non è possibile". Me lo diceva sempre, "voglio ucciderla", ma non pensavo che l’avrebbe fatto davvero», racconta un vicino di Daniela Gardoni. «Era un tipo introverso, senza amici – racconta un altro conoscente di Omar Bianchera -. So che aveva spesso discussioni. Forse si è autocaricato fino a scoppiare».

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>